atene-grecia

Storia di Atene

acropoli-atene-greciaAtene fu cosi’ chiamata, secondo la mitologia greca, dalla competizione tra la dea Atena  e Poseidone su chi sarebbe diventato il protettore della città. Il mito racconta che Poseidone dono’una fontana dalla quale zampillava acqua di mare, mentre Athena offri’ un ulivo appena tocco’ il suolo della roccia sacra dell’Acropoli.
Gli abitanti della città scelsero Athena come loro protettrice e così la città prese il nome dalla dea della saggezza.
Il mito è simbolico ma le due divinità simboleggiano la forza di Atene come città di saggezza e potenza marinara. Il primo insediamento del 3000 A.C. Atene era situato sulla roccia dell’Acropoli.

Secondo la tradizione, Atene è stata fondata quando il re Teseo uni’ in uno stato unico i diversi insediamenti dell’Attica. L’ultimo re dell’antica Atene è stato Kodros, che sacrificò la sua vita per salvare la patria. Successivamente è presero il potere i nobili (ricchi proprietari terrieri). I nobili governarono Atene tramite il loro console alla Corte Suprema (Arios Pagos), il console eleggeva 9 governatori di Atene.
Durante questo periodo esisteva l’Assemblea dei cittadini ateniesi (Ecclesia dei demo) che pero’non deteneva il potere che avrebbe avuto in seguito con le leggi di Solone.
Dopo il periodo della colonizzazione e l’espansione del commercio, molti cittadini di Atene divennero ricchi e benestanti grazie a commercio e navigazione, e volevano partecipare l’amministrazione dello stato, mentre le classi inferiori della città si trovarono di fronte la povertà.
Cio’ ha provocato tumulti tra i poveri che volevano la terra e nuove leggi con più giustizia sociale e i nobili che volevano mantenere il loro potere e autorita’
L’ambizioso Kylon, che ambiva diventare un despota cerco’ di sfruttare tali disordini, ma non vi riusci’.
Le sue manovre passarono alla storia come ‘le pene di kyklon’.
Dopo questo, i nobili incaricarono Dracone di scrivere nuove leggi in risposta alla richiesta del popolo.
Ma le leggi di Dracone erano troppo dure e perentorie e furono disapprovate dagli ateniesi.
Visto che le leggi di Dracone non soddisfarono le aspettative del popolo di Atene, fu incaricato Solone, che era considerato un uomo molto saggio, di scrivere nuove leggi. Solone cancello’ i debiti dei cittadini liberandoli tutti dalla schiavitu’ dei debiti.
Quella legge, che aveva liberato il popolo di Atene da un fardello molto pesante, è stata nominato ‘seisachtheia’ ovvero”scioglimento dei pesi”
Solone divise gli ateniesi in quattro classi, a seconda del loro reddito.
Arconti (governanti) potevano esserlo solo i ricchi.
Ma Solone rafforzo’ politicamente la classe povera, dando grande forza all’Assemblea dei cittadini. L’Assemblea decideva su tutte le questioni principali e votava le leggi preparate dalla “ casa dei quattrocento”.
Solone fondo’ la grande corte del popolo, la Iliaia. Quelli furono i primi passi verso la democrazia.
Ma neanche le leggi di Solone rassicuratarono gli ateniesi.
I poveri vollero rivedere la ripartizione dei territori.
Durante questo periodo la nobiltà perse molto potere e Pisistrato riuscì a ottenere il sostegno di molte persone e diventare un tiranno.

Peisistratos supportato gli agricoltori elaboro’ numerosi progetti in Atene.
I suoi figli e successori, Ippia e Hipparchos, erano troppo duri per gli ateniesi e non ebbero buoni risultati
Ippia si rifugiò in Persia, dove morì in esilio e Hipparchos fu ucciso dagli Ateniesi.
Con la fine della tirannia, gli Ateniesi iniziano a organizzare la democrazia.
Il principale fautore era Clistene che ha riformato radicalmente la costituzione. Clistene divise gli ateniesi in 10 tribu’ con dieci comuni.
A ogni tribu’ appartenevano i cittadini delle varie zone dell’Attica e così i ricchi cessarono di essere nobili appartenenti a una classe forte , ma furono solo cittadini tra altri concittadini.
Clistene dette potere totale all’assemblea dei cittadini.
Dall’assemblea venivano eletti i 10 generali, non solo militari, che governavano lo stato stesso.
Il Parlamento dei 400 di Solone fu sostituito da un nuovo Parlamento con 500 deputati. I membri del nuovo Parlamento erano 50 ateniesi per ogni tribu’, selezionati annualmente tramite estrazione
Con questo sistema tutti i cittadini di Atene erano probabili candidati essere un giorno membri del Parlamento.

Pericle

Il compito del Parlamento era quello di preparare gli argomenti che sarebbero stati poi discussi dall’assemblea popolare. Clistene, al fine di garantire la nuova costituzione, introdusse l’ostracismo.
Ogni cittadino doveva scrivere su un pezzo di vaso rotto (detto conchiglia) il nome di un politico che avrebbe potuto essere pericoloso per la democrazia, dopo di che si contavano le conchiglie e si condannavano all’ esilio per 10 anni quelli che erano stati segnalati con 6 mila conchiglie con il loro nome.
Così nacque in Atene la democrazia, la costituzione che dà tutti i cittadini il diritto e il dovere di partecipare al governo dello stato. La democrazia è stato uno dei più significativi successi degli antichi greci.
Atene ha vissuto il periodo più glorioso durante il v secolo A.C. sotto il Regno di Pericle.
Durante questo periodo, l’età d’oro di Atene, fu costruito il Partenone.
Arte, filosofia, dramma, furono al massimo dello splendore.

Purtroppo la guerra del Peloponneso tra Sparta e ateniesi pose fine a questa gloria.
Ma Atene ha continuato ad essere il centro di cultura e di importanza intellettuale anche durante l’epoca romana.
Nei suoi viaggi in Grecia San Paolo parlo’ agli Ateniesi dalla roccia di Arios Pagos (Areopago) nel 44 D.C.. Durante il Regno dell’imperatore romano Adriano, Atene divenne la sua amata città.
Adriano decoro’ Atene facendo costruire magnifici monumenti come la biblioteca di Adriano. Egli soleva dire ‘a sud dell’Acropoli, è l’ Atene di Teseo e a nord dell’Acropoli, è l’Atene di Adriano’
Con la caduta dell’Impero romano diminuì anche l’importanza di Atene.
Durante l’epoca bizantina Atene era una città provincia dell’Impero bizantino. Ma anche durante questo periodo ad Atene furono costruite molte chiese bizantine.
I crociati invasero la città nel XIII secolo fino al XV secolo quando la città fu occupata dai turchi.
Dopo la guerra greca di indipendenza, nel 1833 Atene divenne la capitale della Grecia.
Sotto il Regno del primo re di Grecia, Otto, la città si estese a nord e furono costruiti molti edifici da architetti greci e tedesci.